Il primo statuto

Riportiamo di seguito il testo originale del PRIMO STATUTO che risale al 1921, un anno dopo la fondazione del Corpo Musicale.

ART 1 – La Sezione Luraghese dell’ Unione Giovani. Cattolici si assume la Direzione ed amministrazione del Corpo Musicale.I n Consiglio Direttivo ed Amministrativo della Sezione Giovanile dirige e provvede anche al funzionamento della Banda.

ART 2 – Scopo del corpo Musicale è puramente di recare un pò di sollievo e di istruzione ai Giovani Cattolici, dopo di avere puntualmente adempiti i propri doveri di organizzati all’Azione Cattolica per formarsi veri Cristiani e coadiuvare la Gerarchia Ecclesiastica: per questo la « Banda» é completamente aderente alla Azione Cattolica Italiana.

ART. 3 – La preferenza per essere accettati nel Corpo Musicale si da ai tesserati delle organizzazioni dell’Azione Cattolica: la direzione potrà accettare anche i non tesserati qualora però siano individui che diano seria garanzia di condotta morale irreprensibile e di evidente pratica Religiosa. L’accettazione viene deliberata dalla Direzione Del Circolo, Cattolico Giovanile coll’Assistente Ecclesiastico e approvata dal Prevosto, e non si ritiene obbligato a rendere motivazione degli eventuali rifiuti.-Per la capacità tecnico-artistico al suono l’unico arbitro è il Maestro della Banda.

ART 4 – Gli ammessi alla scuola e al suono nel Corpo Musicale devono versare lire 20.-a fondo perduto senza pretesa alcuna di averne la restituzione.

ART 5 – La Direzione può sospendere ed escludere dal Corpo Musicale:

a) Chi non è puntuale all’orario delle scuole e dei servizi. -Chi poi per tre volte consecutive sarà ritardatario verrà escluso, in forza di questo statuto.

b) Chi non attenderà con diligenza e profitto alle scuole del Maestro.

c) Chi non ha cura degli istrumenti e della divisa.

d) Chi non osserva la disciplina e i regolamenti.

ART 6 – Gli istrumenti musicali sono di proprietà dell’Unione Giovani: le riparazioni causate per incuria degli utenti sono a loro carico.

ART 7 – Le assenze alla scuola ed ai servizi non giustificate ed approvate dalla Direzione vengono multate con L.5.-

ART 8 – Non si concede di suonare fuori dei locali dell’Unione per scopi personali. Non si possono assumere impegni di servizio musicale senza licenza del Consiglio Direttivo.

ART 9 – I musicanti durante tutti i servizi sia in luogo che in altre località devono rigorosamente osservare quanto viene ordinato dai dirigenti sia per il contegno decoroso e dignitoso, sia per la puntualità all’orario.

ART 10 – La Direzione provvede allo stipendio del Maestro ed alle spese con offerte di benefattori, con rappresentazioni teatrali e cinematografiche. I bandisti tutti devono prestarsi in tali trattenimenti teatrali e cinematografici a suonare negli intermezzi per maggiormente attirare spettatori a vantaggio della istituzione.